Mangiare vegetariano a Londra

Londra offre una scelta quasi infinita anche agli amanti della cucina vegetariana. E molti di questi ristoranti sono davvero ottimi, con menù che smentiscono il pregiudizio di chi vorrebbe la cucina vegetariana povera e poco saporita

ristoranti vegetariani londraA Londra non c’è cucina che non sia rappresentata, non c’è gusto culinario che non possa essere soddisfatto. E, ovviamente, questo vale anche per la cucina vegetariana che, in città, sta riscontrando un successo sempre più crescente. Se una volta erano solo gli appassionati del biologico a frequentare i ristoranti vegetariani, ora non è infrequente vedere uomini d’affari che si concedono una pausa salutare con verdure e soia o giovani che decidono di fare attenzione a quello che mangiano.

Mangiare vegetariano a Londra significa anche vedere smentito il luogo comune (un pò meno comune ora, per la verità) che questo tipo di cucina sia poco ricca di sapori o triste nella presentazione. Niente di più falso anche perché molti cuochi si sbizzarriscono nel presentare ricette e combinazioni che riescono a soddisfare il palato e anche l’occhio. Basti pensare alla cucina vegetariana di influenza indiana; verdure e spezie sono da sempre tra i punti di forza di questa cucina e per provare vi consigliamo di andare in Soho Street e provare il Govinda: ambiente decisamente semplice e prezzi interessanti. Sempre a Soho c’è il Beatroot, sempre molto frequentato con la sua offerta a buffet e il cibo servito in contenitori di grandezze diverse a seconda di quello che si vuole spendere e di quanto si vuole mangiare.

In Curtain Road c’è quello che molti considerano il miglior ristorante vegetariano di tutta Londra, il Saf; una fama dovuta sia alla carta di vini biologici che offre sia al modo in cui vengono presentati i piatti; tra le sue specialità un formaggio alle mandorle e finocchio. Tra i più famosi non possiamo non segnalare un must, a Covent Garden, il Food for Thought. Qui, a prezzi più che abordabili, si mangia davvero bene tra zuppe di vario tipo e fritture decisamente saporite. Se amate le grigliate di verdura o gli hamburger di soia andate sulla Lexington Street ed entrate da Mildred’s: durante la pausa pranzo dovrete armarvi di un po’ di pazienza visto la quantità di turisti, ma anche di londinesi, che lo affollano. Però ne vale la pena.

E, se siete già in centro per una passeggiata non perdetevi il Red Veg di Piccadilly, una specie di fast food del vegetariano con un’ampia scelta di bevande bio e carne di soia fatta a involtino.

In Marchmont Street, nel famoso quartiere di Bloomsbury, si trova il Alara Whole Foods Store che dispone anche di uno spazio ristorante con cucina vegetariana di influenza thai, cinese e anche giapponese.

E, per concludere, anche se la scelta potrebbe continuare, segnaliamo l’Itadaki Zen. Locale piccolo che vi accoglie proprio come un angolo di Giappone. Un menù ricchissimo e una vera e propria filosofia che ispira il tutto: quella dell’Accademy of Agricultural Philosophy di Hokkaido. Visitate il suo sito itadakizen.com per saperne di più.



Puoi Lascia un commento, o trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*
Protected by WP Anti Spam
Vivere a Londra Google Plus Vivere a Londra Facebook Sottoscrivi a RSS Feed Seguici su Twitter!