Londra, metro in disuso e piste ciclabili

Londra non smette di sorprendere con le sue iniziative, anche quelle urbanistiche. Orientate all'intelligente riutilizzo degli spazi

big ben LondraCunicoli che cambiano destinazione
Una città enorme, con il traffico delle città enormi. E, nonostante questo, una città in cui l’uso della bicicletta è sviluppato e incentivato come in poche altre città d’Europa. Adesso anche un grande studio di architettura, lo studio Gensler, ha studiato un progetto davvero cool: trasformare in piste ciclabili i cunicoli abbandonati della metropolitana londinese.

Un progetto e un premio
Il progetto, infondo così somigliante a Londra, così in linea con la sua capacità di riconvertire gli spazi (forse perché ne ha fame) è piaciuto talmente da meritarsi il premio Best Conceptual Project nel corso dei London Planning Awards 2015. Un progetto che vuole recuperare ai pedoni e alle bici lunghi tratti sotterranei. la dove una volta c’era le gallerie della metropolitana londinese in futuro vogliono esserci curiose, affascinanti e utilissime piste ciclabili. Con quale impatto ulteriore sulla sostenibilità e sulla mobilità di Londra è facile prevederlo.

Non solo piste
In realtà gli architetti non stanno solo pensando di trasformare i cunicoli in disuso in piste ciclabili. Forse anche per la location poco luminosa il progetto prevede qualcosa che renda il percorso appetibile oltre che utile. Ecco che nello studio sono previsti anche negozi, bar e ristoranti. Che vuol dire anche altre occasioni di lavoro oltre che di riconversione di spazi e conseguente rimessa in vita degli stessi. Senza mangiarsi altro suolo. Ma, siccome Londra è davvero super ecco che la tecnologia vuole anche usare un particolare tipo di pavimento: un pavimento che sfruttando lo stesso peso di ciclisti e pedoni sarà in grado di produrre energia. E con questo Londra è già nel futuro.

Un modo bello, innovativo e intelligente per usare lo spazio già esistente e incentivare ancora l’uso delle due ruote. Cosa che Londra fa già da tempo e con crescente investimento e non solo parole. basti pensare che, poco tempo fa, il discusso ma intraprendente sindaco Johnson ha autorizzato un lavoro per la costruzione di due superstrade ad uso esclusivo delle bici. Costo totale? Ben 160 milioni di sterline. Perché Londra alla bici ci crede e il traffico lo combatte con i fatti.



Puoi Lascia un commento, o trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*
Protected by WP Anti Spam
Vivere a Londra Google Plus Vivere a Londra Facebook Sottoscrivi a RSS Feed Seguici su Twitter!